SISTEMI IDRICI E SANITARI

 

Gli impianti idrici e sanitari consentono il rifornimento costante di acqua potabile o per altri usi, quindi è fondamentale che siano sviluppati e realizzati con soluzioni tecniche innovative, tubazioni igieniche sicure, in grado di preservare una buona qualità dell’acqua, e reti di scarico insonorizzate: tubazioni di adduzione dell’acqua di tipo sfilabile e sistemi di distribuzione a cassetta così da eliminare ogni tipo di giunzione e raccordo sotto pavimento.

I sistemi idrico-sanitari, per legge, devono sottostare a una serie di prescrizioni che da un lato garantiscono la corretta esecuzione del lavoro, e dall’altro assicurano la qualità dell’acqua che viene erogata attraverso di essi. In particolare è necessario che alla Dichiarazione di Conformità sia allegato il progetto dell’impianto realizzato da un progettista abilitato o dal responsabile tecnico dell’azienda installatrice. Inoltre, i materiali utilizzabili sono specificatamente indicati da una direttiva europea cui si affiancano disposizioni che tracciano criteri tecnici e parametri da considerare per il dimensionamento delle reti di distribuzione dell’acqua destinato al consumo umano, per gli impianti di distribuzione e per il ricircolo dell’acqua calda, oltre ai criteri da adottare per l’impiego di acqua non potabile.

Inoltre, per le situazioni in cui non è indispensabile l’utilizzo di acqua potabile, si realizzano impianti completi, con serbatoio di recupero acqua piovana e dotati di autoclave, una vasca metallica chiusa ermeticamente che, grazie al compressore contenuto al suo interno, pompa all’interno della vasca aria per mantenere costante la pressione e permettere all’impianto di funzionare a pieno regime.

Infine, si effettuano consulenze per la realizzazione o ristrutturazione bagni, scelta dei sanitari più indicati per lo spazio e le esigenze dei clienti oltre a una serie di interessanti proposte per l’arredo bagno.

Un impianto idroelettrico trasforma l’energia potenziale dell’acqua in energia meccanica di rotazione della turbina che viene convertita poi tramite il generatore in energia elettrica, sfruttando il dislivello topografico esistente tra la vasca di carico e l’impianto di produzione.

VIVIAMO COME ONDE DI ENERGIA NEL VASTO OCEANO DELL’ENERGIA

Deepak Chopra